Nokia Lumia 1020

 

Premessa: grazie ad Amplr, durante la BlogFest di Rimini, ho avuto la possibilità di provare per una giornata intera lo smartphone di punta di casa Nokia, il Lumia 1020.

Ho cercato di testarlo su diversi fronti, anche se una giornata non è sicuramente sufficiente, mi sono fatto comunque un’idea.

La recensione a mio avviso va divisa in due parti: analizzo la parte telefono e passo poi alla parte software.

***

Telefono

Ottimi materiali, bei colori, in mano ti ritrovi un oggetto degno di nota, ed ecco svelato il perchè Apple ha copiato di sana pianta i colori Lumia nel suo nuovo modello di iPhone 5C.

La batteria è uno spettacolo, chi è abituato ad iPhone e smartphone Android di fascia alta, come il sottoscritto, rimarrà colpito.

Nel caso del Lumia si raggiungono livelli di durata inimmaginabili per altri terminali.

Se poi acquisti il Camera Grip opzionale allora lo puoi utilizzare anche per una giornata e mezzo spremendolo all’inverosimile e oltre a questo scatti fotografie come se avessi in mano una fotocamera digitale.

Mi è sembrato un telefono molto “solido“, non proprio leggerissimo, ma di ottima fattura.

La vera forza del Lumia 1020 è la fotocamera da 41 MP, una cosa che anche solo a dirla spaventa un po’.

Con l’applicazione Nokia Pro Cam puoi regolare i parametri quasi avessi in mano una reflex, dall’esposizione al tempo di scatto fino al bilanciamento del bianco.

Avendo 41MP l’assenza dello zoom ottico non si sente, tu scatti e poi tagli la porzione di foto che ti interessa, mantenendo dettagli perfetti.

Le due caratteristiche funzionali del Nokia Pro Cam che mi hanno colpito di più sono:

- il salvataggio in automatico di una foto già ridotta pronta per la condivisione in rete, ti evita di dover ridurre la foto enorme appena scattata (ricordo che si scatta a 41MP).
- corregge in automatico gli errori più comuni della fotografia; esempio: ho scattato una fotografia e sono apparsi i famigerati “occhi rossi“, in modo automatico sono spariti!!! Ottimo davvero.

***

Software

E’ un Windows Phone e monta Windows Phone 8.

E qui mi dovrei fermare, per il bene del Lumia 1020, visto che la mia recensione cambierà direzione ;)

A livello estetico tutti quei “quadratini” di dimensione e colori diversi sono fighi – lo so che si chiamano Tile ma questa recensione è per tutti, il geek o tecnologo di turno ne avrà lette già diverse decine.
E’ l’unico punto a favore che gli do, l’essere diverso e innovativo rispetto alle classiche schermate iPhone e Android.

Ma vediamo nel dettaglio cosa mi è capitato.

Ritiro il telefono, mi fanno creare un account Microsoft (ok ci sta), scarichiamo l’app di Twitter, inserisco le mie credenziali ed ecco un errore di rete.
Cioè… appare sul telefono che non è possibile connettersi a Twitter e di controllare il fornitore della rete.

Le pagine internet però si aprono senza problemi nel browser.

Mi rimbalzano da una persona all’altra, raggiungo i vertici microsoft presenti al Coconuts di Rimini e nessuno riesce a risolvere la cosa, finchè un ragazzo dello staff ha l’illuminazione: “Non sono inseriti data e orario corretto!

Tutto sistemato.

Ma io dico: “Possibile che nel 2013 un sistema operativo mi dia un messaggio di errore per una cosa e IO devo interpretarlo perchè in realtà si tratta di tutt’altro???

Molto molto Windows :D

Lavorando su MacBook e usando smartphone Android non sono più abituato a queste curve di apprendimento!!!

Altra nota dolente: non ha Instagram.

Si dice stia arrivando e in questo caso non è colpa di Microsoft, ma è una mancanza, soprattutto su un telefono il cui punto forte è la fotocamera.

***

Concludendo: mi hanno convinto ad abbandonare il mio Samsung Galaxy S3 per passare al lato colorato della forza???

No, mi dispiace, è un gran telefono, ma ad oggi – come blogger – non mi permette di fare quello che faccio con un terminale Android o iOS.
E se devo avere 2 device, allora per il lato fotografico mi prendo una Samsung Galaxy Camera e mi tengo in tasca quasi 300 euro.

Vedremo in futuro come e se riusciranno a convincermi.

Un saluto,
Cristiano